Consorzio dei Comuni della Provincia di Trento

BIM dell'Adige

La centrale di San Colombano

UBICAZIONE E TIPOLOGIA L'impianto idroelettrico di S. Colombano utilizza,attraverso due diverse derivazioni, le acque del torrente Leno di Terragnolo, dei rii Pasaul, Cavallo, Pignatte e Scarabozza, nonché quelle del torrente Leno di Vallarsa. Le opere di captazione delle acque, di derivazione e di scarico sono ubicate nei comuni di Terragnolo, Folgaria e Trambileno.

Il bacino imbrifero sotteso dall'impianto è pari a circa 221 km2.

L'impianto ha, per la Derivazione 1 - torrente Leno di Terragnolo - una portata media in concessione di 1,705 m3/s, mentre la portata massima è di 5,000 m3/s; il salto è di 415,90 m e la potenza nominale media è di 6.952 kW. La Derivazione 2 - torrente Leno di Vallarsa - ha una portata media in concessione di 2,967 m3/s, mentre la portata massima è di 6,000 m3/s; il salto è di 46,00 m e la potenza nominale media è di 1.338 kW, per una potenza nominale media complessiva dell'impianto di 8.290 kW.

La producibilità media annua di energia, dichiarata negli atti ufficiali dal Concessionario, è di 66 GWh/anno.

La scadenza della concessione dell'impianto di S. Colombano è fissata per il 31.12.2017.